BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates

Canne: vinta la prima battaglia, ora comincia la vera sfida

Dopo l’inserimento nel Polo museale, il consigliere Ruggiero Mennea traccia la strada su cui lavorare

«Una nuova economia partendo dai beni culturali. E’ la rivoluzione progettata dal ministro Franceschini con i Poli museali regionali. Il progetto pilota è stato proprio quello della Puglia, nel quale ora è incluso anche il sito di Canne della Battaglia. Franceschini ha mantenuto l’impegno assunto ad ottobre con Barletta e la Puglia, durante il convegno all’Hotel delle Nazioni di Bari». Lo afferma Ruggiero Mennea, consigliere regionale del Pd, che per Canne è riuscito a proporre e far approvare una legge unica e storica per la tutela e la valorizzazione. Secondo l’esponente del Pd pugliese l’inclusione del sito archeologico nel Polo museale pugliese rappresenta un nuovo inizio per questo importante bene culturale, dopo il “declassamento” voluto negli anni scorsi proprio dal ministero.

A chiarire l’importanza della riforma che ha portato in Italia alla nascita dei Poli museali – che si colloca a sua volta al’interno del processo di riorganizzazione del Mibact definito nel dpcm del 29 agosto 2014 – è stato Giuliano Volpe, ex rettore dell’Università di Foggia, in un suo intervento pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno il 22 agosto 2015. In particolare, Volpe spiegava che «il Polo ha come obiettivo la creazione di un sistema regionale, inclusivo delle altre categorie di musei ex provinciali, civici, diocesani e anche privati, se possibile. In Puglia (insieme a poche altre regioni, come l’Umbria) siamo molto avanti in questo senso, tanto che la Regione ha da tempo sottoscritto un accordo con il Mibact – ricordava – non solo per la valorizzazione dell’intero patrimonio culturale regionale ma anche per la creazione di un sistema museale pugliese».

«Ma per Canne il discorso – prosegue Mennea – va ben oltre quello del semplice museo, dal momento che Canne è di per sé un museo all’aperto. Anzi, un ecomuseo secondo quanto stabilito dalla legge regionale del 2011. Canne della Battaglia è immersa nel cuore del nostro territorio e della nostra storia più antica, che vive a due passi dal fiume Ofanto e da Ariascianne. Il polo museale ci aggancia alla grande rete dei flussi turistici internazionali. Ma per creare ricchezza – avverte – occorre strutturare l’intero territorio della provincia di Barletta – Andria Trani e della regione con servizi di qualità elevata e operatori professionalmente preparati. In questo contesto la legge regionale su Canne rappresenta un’ulteriore possibilità per accelerare i processi di sviluppo turistico-economico. La vera sfida – conclude – è fare della cultura un’occasione di sviluppo, che coinvolga e responsabilizzi tutti gli amministratori del territorio».

Bari, 21 gennaio 2016

Check Also

Politiche 2018, l’onorevole Guerini il 30 novembre nella Bat

Destinazione “Politiche 2018”. È il tema dei due incontri previsti per giovedì 30 novembre a ...

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi